ASPETTI FISCALI DEL LAVORO AUTONOMO
PROFESSIONALE ED OCCASIONALE NEGLI ENTI PUBBLICI

CONTENUTI CORSO

CODICE MEPA (per i non abbonati a FLAT e SUPERFLAT): PA360.40

DOCENTE: dott. NEVIO NARDO, Dottore commercialista - Revisore legale - Formatore PA360

DESTINATARI: operatori dediti ai rapporti economici/contabili con professionisti/collaboratori occasionali e al versamento dei tributi passivi concernenti; responsabili ed addetti degli uffici fiscali/tributari.

OBIETTIVI: L’incontro è finalizzato ad illustrare ai partecipanti la gestione delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro autonomo.
Nella 1^ parte del corso viene esaminata la figura del lavoro autonomo professionale, con particolare attenzione alle forme in cui può essere svolto e alle problematiche relative alla base imponibile ai fini della ritenuta d'acconto.
Successivamente l'attenzione va sulla ulteriore forma di lavoro autonomo presente in Italia: il lavoro autonomo non abituale, meglio conosciuto come occasionale. In proposito, dopo aver visto altre forme di lavoro autonomo, oggetto di attenzione sono le problematiche concernenti il rimborso spese al collaboratore.
Infine, nella 3^ parte della spiegazione, dopo aver approfondito le problematiche relative alla CU dei lavoratori autonomi (in particolare dei professionisti in regime agevolato), vengono esaminate alcune delle forme più diffuse di collaborazione negli enti pubblici quali la partecipazione a collegi e commissioni, le docenze, i compensi ai revisori dei conti, andando ad analizzare il corretto inquadramento giuridico-fiscale e, come nel caso del pagamento del difensore della controparte, le questioni relative alla ritenuta d'acconto applicabile.
Per la partecipazione è consigliata una conoscenza dei concetti fondamentali relativi alla fatturazione dei professionisti: applicazione dell’IVA, ritenuta d’acconto, a titolo d’imposta, contribuzione previdenziale.
Si evidenzia che nel corso non vengono trattate le problematiche inerenti il lavoro dipendente ed e figure assimilate (es. co.co.co.).

PROGRAMMA:

Il lavoro autonomo professionale:

  • il professionista
  • forme organizzative del lavoro autonomo
    • associazione professionale
    • STP
    • lavoratori autonomi in regime agevolato
  • la base imponibile IRPEF
  • il rimborso spese al professionista
  • professionisti e split payment/IVA differita
  • la cassa di previdenza:
    • contributo integrativo e soggettivo
    • l’addebito in fattura del contributo oggettivo
    • i professionisti senza cassa previdenziale

Il lavoro autonomo occasionale:

  • il prestatore occasionale
  • lavoro autonomo occasionale e altre forme di lavoro occasionale
  • i “limiti” del lavoro autonomo occasionale
  • la base imponibile reddituale
  • il rimborso spese
  • le prestazioni con solo rimborso spese
  • la base imponibile previdenziale

La CU dei lavoratori autonomi e tipologie particolari di lavoro autonomo

  • la CU del professionista
  • la CU del prestatore occasionale
  • casi particolari di lavoro autonomo
    • nucleo di valutazione
    • il revisore dei conti
    • il docente professionista e/o occasionale
    • il difensore della parte vittoriosa
    • i compensi ai componenti delle commissioni: esercizio di funzione pubbliche

DOMANDE FREQUENTI

  1. Un’associazione professionale e una STP sono equivalenti?
  2. La ritenuta d’acconto sui compensi corrisposti al professionista è sempre del 20%? E se il professionista chiede un’aliquota maggiore?
  3. Se vengono rimborsate delle spese al professionista sono soggetta a RA? E se le spese vengono pagata direttamente dall’ente?
  4. Una fattura emessa da un professionista durante il periodo dello split permane ma non ancora liquidata, deve essere rifatta senza inversione contabile?
  5. Il contributo integrativo della cassa di previdenza è sempre del 4%
  6. Il contributo integrativo della cassa di previdenza è soggetto a RA?
  7. Perché alcuni professionisti applicano la RA anche sul contributo INPS del 4%?
  8. Se un prestatore occasionale chiede più di 5.000 € come compenso deve applicare l’IVA sulla fattura?
  9. Se ad un collaboratore occasionale viene pagato un compenso inferiore a 5.000 € per un servizio continuativo, si può considerare sempre lavoro occasionale?
  10. Se un prestatore occasionale chiede il rimborso delle spese documentate (biglietto treno, ecc.) è necessario effettuare la RA su queste?
  11. Se un prestatore occasionale svolge il suo servizio gratuitamente chiedendo solo il rimborso delle spese è necessario effettuare la RA?
  12. Se l’ente paga un compenso di 6.000 € ad un prestatore occasionale, ma una parte (2.000 €) è relativa ad una notula dell’anno precedente, deve applicare la ritenuta INPS?
  13. Se nella notula il prestatore occasionale, oltre al compenso addebita anche le spese sostenute per il trasferimento, la ritenuta previdenziale INPS su quale importo si calcola? Solo sul compenso o su tutta la somma corrisposta?
  14. Se l’ente invia la CU al professionista dopo il 31/3 è passibile di sanzione? E se invia la copia all’AdE dopo il 7/3?
  15. È possibile inviare le CU tramite pec?
  16. Nella fattispecie del professionista in regime agevolato (minimo o forfetario), il cui compenso non è assoggettato a RA, è obbligatorio predisporre ed inviare la CU?
  17. Nel caso in cui il prestatore occasionale abbia chiesto il solo rimborso spese documentate e l’ente non abbia effettuato alcuna RA è obbligatorio inviare la CU?
  18. Per il revisore dei conti che non è un professionista con PI (es, pensionato iscritto solo al registro revisori legali) come deve essere inquadrato il suo compenso?
  19. Se un professionista svolge una lezione di formazione in materia che solitamente non tratta nella sua attività quotidiana, ma inerente comunque alla professione, il reddito è di lavoro autonomo?
  20. Se l’ente paga il compenso al difensore della parte vittoriosa in un contenzioso deve effettuare la RA anche se la fattura è intestata alla controparte che è un privato senza PI?
  21. Se un soggetto partecipa ad una commissione in virtù della posizione che ricopre presso un altro ente (quindi in rappresentanza dell’ente di provenienza, talché la commissione non è correttamente composta se non è presente un rappresentante dell’ente terzo), come deve essere inquadrato il compenso corrisposto al singolo?

SUPPORTO SPECIALISTICO

Pubblicazione di articoli di aggiornamento su normativa, prassi e giurisprudenza
Verifica della regolarità fiscale di una notula/fattura
Predisposizione di notula/fattura c/ collaboratore e determinazione dei tributi relativi (ritenuta d’acconto, ritenuta previdenziale)
Predisposizione mod. F24 versamento ritenute fiscali/previdenziali
Predisposizione della CU del prestatore


PA360 srl
Viale della Libertà 197/A - 73100 Lecce
C.F. e P.I. 05034240753
  • 0832.409463
  • 0832.1836950
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abilita il javascript per inviare questo modulo